Tu sei qui

L'Istituto Comprensivo "G. Garibaldi - V. Pipitone"

BREVE STORIA DELL‟ISTITUTO

A partire dall’a.s. 2013-14 è stato istituito il nuovo Istituto Comprensivo  “G. GARIBALDI-V.PIPITONE”, composto da 5 sedi scolastiche di ordine e grado diverso che ospitano bambini e ragazzi dai 3 ai 14 anni.

 

SCUOLA PRIMARIA E DELL’INFANZIA“G. GARIBALDI”

La sede “G. Garibaldi” di Marsala nasce alla fine del XIX secolo e sorge su parte delle strutture originali dell’antico Monastero di San Girolamo con l’attigua Chiesa,  non più esistente, in Via Rubino e in via Cammareri  Scurti. Il monastero fu edificato e dotato dal nobile marsalese Girolamo Maggio il 12 settembre 1587, il quale aveva stabilito che, dopo la sua morte, nel sito della sua abitazione, si facesse un monastero di suore sotto il titolo di S. Girolamo e secondo la regola di S. Agostino. Dopo l’unità d’Italia,il monastero fu acquisito dal nuovo Stato e per alcuni decenni non si hanno notizie precise riguardo al suo utilizzo, fino alla fine del 1800, quando il piano superiore, con un minimo di ristrutturazione, fu adibito a scuola elementare maschile. Poi nel dicembre del 1910 il Consiglio di Amministrazione del Giardino d’Infanzia ne otteneva il piano terra e nel 1911 è stato istituito un giardino d’infanzia intitolato Guido Baccelli.

A partire dal 1932, le aule al primo piano adibite a scuola elementare, vennero ristrutturate e in quella occasione si progettò anche un accesso indipendente da quello condiviso con il Giardino di via Ospedale (oggi via Cammareri Scurti) e lo si creò in via Rubino. I due plessi furono così definitivamente separati. In seguito al terribile bombardamento dell’ 11 maggio 1943, la chiesa di S. Girolamo fu distrutta e mai ricostruita. Dell’antico monastero rimangono un tratto del portico e parte delle originali strutture, oggi trasformate e adibite a scuola.

La sede“G. Garibaldi”è sita in via Rubino, mentre l’ingresso di via Cammareri Scurti dà accesso alla Scuola dell’Infanzia “Garibaldi1”, è una scuola storica che ha educato ed istruito nel tempo diverse generazioni di marsalesi..

Al 1° piano, ospita gli Uffici della Presidenza  e di Segreteria, dispone di n.11 aule, di una ricca biblioteca per alunni e docenti, di un’aula multimediale e di un’aula Magna. Un laboratorio linguistico, una piccola palestra, la cucina e due ampie sale mensa si trovano al piano terra, nella sede “Garibaldi1”, alla quale è possibile accedere attraverso una comoda scala che si affaccia su un lussureggiante giardino comunicante con le aule della Scuola dell’Infanzia.

SCUOLA DELL’INFANZIA“VILLA DEL ROSARIO”

Il plesso sorge laddove,  nel 595, fu edificato un monastero di suore benedettine da Adeodata  (parente di papa Gregorio Magno) proprio nel cuore di quella che si poteva chiamare la zona della “giudecca” di Marsala, ove avveniva la lavorazione ed il commercio della seta e dei tessuti ( i panni) cui era dedita una parte consistente della comunità ebraica.

Il monastero aveva la doppia denominazione di San Pietro e/o dello Spirito Santo, denominazione che dipendeva dal fatto che le monache avevano speciale cura dei trovatelli che erano detti figli dello Spirito Santo e cioè figli di genitori ignoti.

Il 14 Ottobre 1418 l’abbadessa del tempo, con atto del notaio Pietro La Senia, alienava il convento di Via Frisella e nello stesso luogo venne a sorgere il convento in onore di S. Domenico

Per effetto della legge 7 luglio 1866 sulla soppressione delle corporazioni religiose, l’ex convento di S. Domenico venne ceduto al Comune per museo, pinacoteca e scuola di pittura. Il Comune non realizzò mai questi progetti, e nel 1897 decise di demolire la chiesa ed il convento per vendere il terreno a lotti.  Rimase però libero e  se ne fece una piazza; successivamente si pensò di farvi sorgere una villa che dal nome della Cappella della Madonna del Rosario fu chiamata Villa del Rosario. Vi si collocò anche un giardino d’infanzia che prese il nome di “ Opera Pro-infanzia” diventato tristemente famoso col bombardamento dell’11 maggio 1943, allorché perirono centinaia di persone, tra cui molti bambini dell’asilo rimasti intrappolati nel rifugio antiaereo costruito all’interno del giardino.

Il plesso “Villa del Rosario”è  immerso nel verde e presenta tutte le caratteristiche di una scuola a misura di bambino: aule spaziose, servizi igienici dedicati, salone per i giochi in comune e poi tanto spazio all’aperto dove dare libero campo alle attività ludiche.

 

SCUOLA PRIMARIA“G. PASCOLI”

La sede “Giovanni Pascoli”, sita in via delle Sirene 13, accoglie circa 300 alunni provenienti prevalentemente dal centro storico, dispone di un ampio piazzale  protetto da un cancello automatico, n. 9 aule al  piano terra, n.8 aule al 1° piano,  un attrezzato e moderno laboratorio scientifico, due aule multimediali e una grande palestra.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO “V. PIPITONE”

Il complesso edilizio comprendente la Chiesa e il monastero di S. Stefano si estende su una vasta area quadrangolare, ubicata tra le vie Eliodoro Lombardi, Sarzana, Frisella e il Largo Figlioli.

Si suppone che gli edifici siano sorti sulle rovine del palazzo degli antichi Pretori romani: avvalorano l’ipotesi i ritrovamenti, nell’area del complesso, di alcune lapidi con iscrizioni latine. In particolare, una lapide ne testimonia l’origine, un’altra reca un’iscrizione votiva a Cesare Imperatore e una terza, posta durante il consolato di Valerio, è dedicata all’imperatore Valente.

Il sito fu utilizzato dai Saraceni come sede del Governo e successivamente divenne proprietà della famiglia Ferro, che lo vendette al nobile Stefano Frisella, benemerito e ricchissimo cittadino di Marsala. Questi nel 1605 ristrutturò l’edificio e lo adibì a monastero per le Agostiniane Scalze, donandolo ad una delle sue quattro figlie, Francesca, badessa. Fece anche costruire una chiesa dedicata a S. Stefano, che venne consacrata e benedetta dal Cardinale Spinola di Mazara. Il monastero ospitò le suore fino al 1800 e nel 1866 fu incamerato dallo Stato per essere adibito successivamente a struttura scolastica.

Attualmente l’ex-monastero è sede della Scuola Secondaria di I grado “V. Pipitone” al pianoterra e in parte del primo piano, e del Liceo Classico “Giovanni XXIII” al primo e secondo piano.

La scuola secondaria di primo grado “V. Pipitone” è stata la prima scuola media nel territorio di Marsala. E’ intitolata a Vincenzo Pipitone, un illustre marsalese, nato nel 1854 e morto nel 1928. Docente, giornalista e avvocato, ha partecipato attivamente alla vita politica della sua città e più volte è stato eletto dai suoi concittadini alla Camera dei Deputati e nel 1920 fu anche Senatore. L’amore per la Patria, il senso di giustizia e di umanità nonché di solidarietà e uguaglianza, sono stati i valori che lo hanno contraddistinto durante i suoi vari incarichi.

La sede “V. Pipitone”  è ubicata su due piani. Al piano terra sono presenti n. 20 aule, che si aprono all’interno dove si trova l’atrio, il portico  e una grande aiuola al centro (struttura tipica degli antichi monasteri), dove si svolge l’intervallo, la festa dell’accoglienza, la festa di fine anno e tutte le altre manifestazione che la scuola organizza.

Al piano superiore vi sono altre n.4 aule, che si aprono sul loggiato, in comune con il liceo classico.

La scuola è dotata di un’aula d’informatica, di due palestre, di un locale adibito a biblioteca sito in via Frisella e di un’aula con attrezzature scientifiche. 

IN EVIDENZA

 

 

 

 


 


 


 

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.

Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.